▼ Ospitaletto, l’ex bocciodromo diventa la nuova palestra comunale… nel nome di Sirio Esti

L'investimento è stato di circa 150mila euro, finanziati dal Comune. La precedente amministrazione aveva cercato di trasformare l'ex bocciodromo in un impianto per il padel, ma i bandi erano andati deserti. La nuova maggioranza, quindi, ha rilanciato con il progetto della nuova palestra.

0
La nuova palestra di Ospitaletto, foto da Comune

Domenica ha aperto ufficialmente i battenti a Ospitaletto la nuova palestra intitolata a “Sirio Esti”, già allenatore e presidente del Volley Ospitaletto scomparso nel 2023 all’età di 80 anni.

L’impianto di via Ghidoni (“un’opera fortemente voluta dall’Amministrazione comunale, presente nel programma elettorale e realizzata nel primo anno di mandato”, ha sottolineato all’inaugurazione il sindaco Luara Trecani) prende il posto dell’ex bocciodromo, sostituito da una palestra polifunzionale adatta alla pratica di diversi diversi sport, come pallavolo, arti marziali, ginnastica, danza e via dicendo.

L’investimento è stato di circa 150mila euro, finanziati dal Comune. La precedente amministrazione aveva cercato di trasformare l’ex bocciodromo in un impianto per il padel, ma i bandi erano andati deserti. La nuova maggioranza, quindi, ha rilanciato con il progetto della nuova palestra.

IL RICORDO DI SIRIO ESTI

“Sirio Esti – ha detto il sindaco Laura Trecani all’inaugurazione – è stato un punto di riferimento per la nostra comunità, per decenni ha dedicato la sua vita allo sport e all’educazione dei giovani. Era un maestro di sport, un allenatore appassionato, un dirigente capace e lungimirante, ma soprattutto un uomo di grande valore umano. Nato a Urago Mella nel 1943, Sirio si trasferì presto a Ospitaletto, dove iniziò la sua carriera di insegnante alle scuole medie. È qui che conobbe la sua amata Silvana, con la quale si sposò nel 1973 ed ebbe 2 figli Massimiliano e Roberta. Insegnò poi al prestigioso ITIS Castelli di Brescia, ma è ad Ospitaletto che ha dato il meglio di sé, sia come allenatore che come dirigente. Ha guidato le giovanili di pallavolo e calcio ad importanti successi, formando atleti che poi sono diventati campioni a loro volta. È stato un pioniere del Volley Club Ospitaletto, primo allenatore a portare la squadra alla vittoria di titoli giovanili. Ha inventato il circuito di Minivolley bresciano, ancora oggi un punto di riferimento per lo sport giovanile locale”.

“Ma Sirio – ha aggiunto – non era solo un uomo di sport. Era un giornalista sportivo, un commentatore radiofonico e televisivo, sempre presente sugli spalti a sostenere le sue squadre e i suoi atleti. Era un amico sincero, un confidente saggio, un punto di riferimento per tutti coloro che lo conoscevano. Per onorare la sua memoria e per trasmettere alle nuove generazioni i suoi valori di sportività, lealtà e impegno, abbiamo deciso di intitolare a Sirio Esti questo nuovo Palazzetto dello Sport. Siamo certi che questo sarà un luogo di sport, di aggregazione e di crescita per i nostri giovani, un luogo dove potranno coltivare i loro sogni e realizzare le loro ambizioni, proprio come ha fatto Sirio”.

>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Whatsapp <<<

>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome