Maiale nella fornace, anche Aidaa all’attacco: non cambia se è già morto

"L'Aidaa associazione italiana difesa animali ed ambiente si associa alla protesta di altre associazioni animaliste che considerano questa decisione errata ed eticamente inaccettabile ed esprime la sua condanna a questo esperimento senza se e senza ma"

0
Maiali, foto generica da Pixabay

“Gettare il maiale Cuore nella fornace delle fonderie Gonzini di Noccole di Provezze è un fatto eticamente e moralmente inaccettabile. Il fatto che si usi un maiale morto in un allevamento intensivo non cambia la sostanza delle cose”. A dirlo è una nota di Aidaa, che si unisce agli animalisti di Parma nella polemica contro l’esperimento giudiziale relativo al processo Bozzoli, che prevede di bruciare un animale per capire se è davvero possibile polverizzare un corpo senza lasciare traccia.

“Nessun maiale cosi come nessun altro animale presenti negli allevamenti intensivi muore di morte naturale ma solo di morte indotta o perchè non conforme agli standard produttivi o perchè malato e questo oltre che inaccettabile è vergognoso – continua il comunicato stampa – L’Aidaa associazione italiana difesa animali ed ambiente si associa alla protesta di altre associazioni animaliste che considerano questa decisione errata ed eticamente inaccettabile ed esprime la sua condanna a questo esperimento senza se e senza ma”.


>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

Ultimo aggiornamento il 9 Ottobre 2023 09:09

NOTIZIE IMPORTANTI SUL CORONAVIRUS

🔴 CORONAVIRUS, LA MAPPA DEL CONTAGIO NEL BRESCIANO
🔴🔴🔴 QUI TUTTE LE NOTIZIE PUBBLICATE DA BSNEWS.IT SUL CORONAVIRUS

 

La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome