Nutrire la Franciacorta, la rivoluzione “lenta” parte da Paderno

0

"Nutrire la Franciacorta”. Si chiama così l’intelligente progetto lanciato dal sindaco di Paderno Antonio Vivenzi in collaborazione con altri municipi (Iseo, Corte Franca e Capriolo), con Slow Food e con la cooperativa sociale Clarabella amministrata da Carlo Fenaroli. Un piano che punta a dare lavoro, cibo, a precari e cassaintegrati assegnando loro gratuitamente terreni demaniali da coltivare. Ma anche a recuperare varietà autoctone di ortaggi e cereali, come il frumento monococco (triticum monococcum), e di granoturco. Ai privati che aderiranno, inoltre, saranno concessi sgravi significativi sull’Imu per fare in modo che i terreni tornino ad aver valore oltre la loro eventuale edificabilità.

La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome