Viselli’s cambia gestione, Beppe dice addio al suo mitico Sciampagnone

6

Più che un barista una celebrità, da cui a inizio anno Brescia dovrà abituarsi a fare a meno. Beppe Viselli, istrionico titolare del Viselli’s di via Tosio, ha deciso di dire basta e di cedere la gestione del suo baretto.

Spente da un po’ le ottanta candeline, Beppe dopo la lunga chiusura dello scorso anno dovuta a una frattura del braccio decise di riaprire i battenti a marzo (leggi la notizia). Ora, dopo non poche titubanze, con i consigli del figlio ha deciso di passare la mano e cedere la gestione a una coppia di giovani baristi. Ma non sarà un pensionamento immediato: per alcuni mesi, fino ad aprile, Beppe ha ammesso che farà qualche comparsata dietro il bancone per insegnare ai novelli baristi l’arte del suo mitico, e misterioso (sul web diversi video che si vantano di svelare il mistero della sua composizione, ad esempio questo: http://www.youtube.com/watch?v=vOrnS1wDa2w) Sciampagnone. 

La notizia è riportata stamane sulle colonne di Bresciaoggi. Indubbiamente per i due successori di Beppe si tratta di una bella sfida. Sarà certamente difficile infatti riproporre non tanto il famoso cocktail quanto l’allegria e le battute del suo inventore. Il tutto in un piazzale Arnaldo che faticosamente sta cercando di attrarre gente dopo che il Carmine ha preso piede, ormai da un paio di anni.
(a.c.)

La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

6 Commenti

  1. a me non è mai piaciuto,poi non sapendo di cosa è composto,me ne guardo bene di berlo,la gente pur di fare affari,ti danno qualsiasi cosa!

  2. Chi conosce Viselli da più di quarant’anni (Gin Bar di Via Mazzini, Gas di Via Moretto, ecc., ecc.) gli riconosce quel pizzico di stravagante, estroversa cordialità che di questi tempi non è facile trovare nel rigoroso, gelido orientamento al business di troppi gestori di locali e bar cittadini. A onor del vero, da qui a dire che le sue magiche, originali misture siano il massimo, ne corre da sempre. Da quando appunto negli anni settanta ideava diabolici, incredibili cocktail semplicemente mischiando tutti i fondi di bottiglia che vedeva sugli scaffali dietro di sè. Un grande per gli uomini di marketing, un po’ meno per intenditori e sommelier. Grazie comunque, e di cuore, Beppe.

  3. Grazie a Viselli per tutte le bellissime serate che ha fatto passare a più generazioni di bresciani. Sinceramente non capisco alcuni commenti ma come si dice l'invidia e'una brutta bestia. Spero che chi raccoglierà l'eredità sarà all'altezza.

  4. Rispondo a grazie : non capisco x' il ritenere lo sciampagnone un intruglio imbevibile significhi essere invidiosi …… e di cosa? X quale motivo? Questo è il mio pareren, l'invidia dove sarebbe??

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome