“Classica a Sant’Antonio” dal 13 maggio la quinta edizione della rassegna musicale

0

È la quinta edizione per la rassegna lonatese “Classica a Sant’Antonio” che si terrà dal 13 al 27 maggio, per tre domeniche pomeriggio dalle ore 17, come sempre a ingresso gratuito.

Anche quest’anno la manifestazione musicale si caratterizza per la qualificata direzione artistica del maestro Giuseppe Laffranchini – già primo violoncello dell’Orchestra della Scala di Milano – per una conseguente programmazione artistica di particolare livello, per la ricorrenza annuale dell’appuntamento e l’assenza di fini di lucro. C’è la possibilità per il pubblico di contribuire con un’offerta gratuita al fine di sostenere iniziative di recupero e riqualificazione nella chiesa di Sant’Antonio abate di Lonato del Garda in cui i concerti si svolgono, così da avvalorare questo gioiello del patrimonio cittadino.

L’organizzazione dell’evento è gestita dal gruppo “Amici della Chiesa di Sant’Antonio Abate” in collaborazione con persone esterne competenti e appassionate di musica, che condividono lo spirito e gli obiettivi del progetto, con la partecipazione della Parrocchia della Natività di San Giovanni Battista per la parte giuridica e amministrativa, dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Lonato del Garda che patrocina e sostiene economicamente la rassegna. Che gode anche del patrocinio della Provincia di Brescia e della Comunità del Garda e di un crescente successo di pubblico.

 

Il programma si apre domenica 13 maggio 2012 con il Concerto per pianoforte di Paolo Rinaldi e le musiche di Bach, Chopin, Schumann.

Domenica 20 maggio un pomeriggio lirico-vocale con il soprano Donatella Gallerini, il tenore Raffaele D’Ascanio e Anna Brandolini al pianoforte (musiche di Verdi, Bizet, Mascagni, Rossini, Donizetti, Puccini, Debussy, Leoncavallo).

Domenica 27 maggio il cartellone si chiude con le musiche di Mozart, Verdi e Dvořák eseguite dal Quartetto d’archi di Milano: Fulvio Liviabella e Igor della Corte (violino), Roberto Mazzoni (viola) e Giuseppe Laffranchini (violoncello).

 

“L’idea alla base di Classica a Sant’Antonio – spiega Fabio Terraroli, referente del gruppo organizzatore – è proporre concerti musicali di qualità a un pubblico ampio, con l’intento di sensibilizzare e coltivare una cultura musicale e dare nello stesso tempo l’opportunità di valorizzare la chiesa, da tempo oggetto di recupero e riqualificazione artistica e devozionale. La valorizzazione si estende così anche al contesto architettonico-naturalistico in cui si trova, in pieno centro storico, a stretto contatto con le mura medioevali, la Casa del Podestà e la Rocca visconteo-veneta”.

 

Valerio Silvestri consigliere comunale con delega alla Cultura afferma: “Sosteniamo questa rassegna dalla sua nascita ed è un piacere potere offrire ai lonatesi dei concerti di così elevato livello in un’atmosfera raccolta, quasi “magica”; è una fortuna per Lonato del Garda poter beneficiare della collaborazione del maestro Laffranchini e degli Amici della Chiesa di Sant’Antonio abate, che con la loro passione ci regalano momenti di puro piacere musicale”.

La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome