Quinzano, il sindaco dà la sua solidarietà al vigilante. “I cittadini, qui, sono esasperati”

    0

    Esprime solidarietà al vigilante il sindaco di Quinzano Maurizio Franzini. Secondo quanto riferito dalle agenzie di stampa, infatti, il primo cittadino ha sottolineato che “qui la gente è tutta dalla sua parte: apprezzano il suo intervento e in fondo dicono: ‘Pazienza, due banditi in meno’”. Franzini, quindi, ha spiegato che anche per i due rapinatori morti “dispiace dal punto di vista umano”. Ma ha subito chiarito che la sua principale preoccupazione era quella che “la popolazione venisse coinvolta” perché “poteva accadere di tutto”. “I miei compaesani sono esasperati”, ha concluso, “e la compassione mi accorgo che non esiste più”.

    La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

    1 COMMENT

    1. Non è per buttarla sempre in polita, ma tutta la sicurezza che ci aveva promesso la Lega dove è finita??? Eppure ormai governano ovunque ma non è cambiato nulla. Forse perché le cose sono più complicate di quel che si vuol far credere e un conto è parlare, altro fare. Se al governo (nazionale, regionale, provinciale…) ci fosse stata la sinistra vi lascio immaginare che sparate avrebbero già fatto….

    2. Prudenza sindaco nel dare solidarietà ad una persona che ha ucciso due uomini sparando una quindicina di colpi. Suo compito è anche quello di far capire alla sia gente che la ricerca di un giusto equilibrio è necessaria sempre.

    3. Un Sindaco che esprime posizioni così estreme non può rappresentare la carica più alta dell’istituzione di un Comune, perchè fomenta la giustizia fai da te, che è agli antipodi della società civile.

    4. Auguriamoci che i magistrati sappiano quel che fanno! Altrimenti sarebbe una TRAGEDIA! In ogni caso non capisco tutta questa fretta per arrestare la guardia.
      C’era tutto il tempo per i controlli……. Sindaco di Quinzano, GRAZIE!

    5. A me il SIndaco mi sembra esprima un punto di vista demagogico fatto per i piccoli interessi di quel piccolo e graziosissimo paese di Quinzano.
      Ci vuole gente con una visione politica un pò più a lungo termine e in grado di essere esempio.

    6. Pensavo che i vigilantes potessero sparare solo in aria o per difendersi.
      Non credo che siano autorizzati a sparare sulla schiena di chi scappa senza aver fatto del male fisico a nessuno.
      SINDACO DI QUINZANO, dimettiti e vai a fare lo sceriffo nel far west

    7. A me la posizione del sindaco sembra piu’ che giusta.I vigilantes sono li’ e sono armati anche per difendere la popolazione. Certo, dispiace che siano morte due persone ma non dimentichiamo che hanno scelto loro di mettersi in una situazione del genere, di fare una rapina e minacciare delle persone, non passavano li’ per caso. Se a morire fosse stato il vigilantes, nessuno ci avrebbe fatto caso; mentre ora, che muoiono due delinquenti, si scatenano tutti i finti pacifisti…ma per favore!Vorrei vedere se veniste coinvolti voi in una rapina..io lavoro in una farmacia e lo so bene!!!!
      Piena solidarietà al vigilantes…

    8. Melchiorre ti assicuro che la Lega sta cercando di fare il possibile per la sicurezza,è di pochi giorni fa la proposta di istituire anche un esercito locale. Di sicuro la Lega non puo’ prevedere e bloccare l’azione insensata di due rapinatori..questo è compito dei poliziotti di Quinzano. Se a sostegno ci fosse anche l’esercito, forse qualcuno ci penserebbe due volte a commettere qualche atto crriminale…

    9. Il sindaco ha ragione siamo essperati!
      E a farne le spese è stato una guardia che non ha fatto altro che il suo lavoro e che ora ha bisogno del nostro sostegno.Spero venga organizzato qualcosa per dimostrarglielo.

    10. L’esercito regionale? E perchè non l’esercito del quartiere Lamarmora o della Val Gobbia, ma siamo seri e smettiamola di giocare ai soldatini. Siamo un paese alla deriv,a dove chi fino adesso ha predicato la sicurezza, senza esserne capace di garantirla, ora la spara ancora più grossa. Ci hanno riempito la testa di ordine e adesso che siamo al disordine istituzionale chi ci mettimo a capo dell’esercito lombardo,il cantante Bossi? Questo sì che è davvero uno "sconforto"!

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome