Sbarchi di Lampedusa, spunta anche Brescia tra le possibili destinazioni degli immigrati

    0

    Tra le città del nord in cui potrebbero essere trasferiti gli immigrati tunisini sbarcati a Lampedusa potrebbe esserci anche Brescia. Secondo quanto riferiscono alcune agenzie di stampa nella riunione sull’immigrazione di questa mattina a Palazzo Chigi sarebbero emersi i nomi di Torino, Padova, Vipiteno e Brescia. Gli immigrati in questione sono quelli sbarcati a lampedusa nei giorni scorsi e che il governo sta prelevando in queste ore con alcune navi militari. Resta da capire se l’eventuale arrivo di immigrati riguarderà la città o la provincia e dove verranno accolti. In queste ore si è parlato degli edifici in uso all’esercito attigui all’aeroporto di Montichiari. Ma finora non è arrivata nessuna comunicazione ufficiale e il sindaco monteclarense Elena Zanola ha dichiarato che sarebbe meglio individuare altri luoghi.

    Il presidente della Lombardia Roberto Formigoni, intanto, ha confermato ancora una volta la posizione della Regione sull’emergenza legata ai nuovi sbarchi dal nord Africa: profughi e rifugiati meritano accoglienza umanitaria, ma gli immigrati irregolari debbono essere rimpatriati come del resto prevede la normativa italiana. ”Da due settimane il governo ci ha chiesto un aiuto per i profughi – ha affermato Formigoni – e su questo noi non abbiamo obiezioni, perché deve esserci solidarietà per chi è stato in pericolo di vita”. Tuttavia Formigoni ha chiarito, anche direttamente in recenti comunicazioni con il ministro Roberto Maroni che l’emergenza sbarchi non può offrire scorciatoie a chi tenta di entrare illegalmente in Italia. ”Per chi non è in pericolo di vita – ha infatti osservato Formigoni – cioè per quegli immigrati illegali che saranno qui riconosciuti come clandestini, penso che occorra applicare la regola che prevede il rientro nel Paese di origine”.

    Ancora più netto il presidente del consiglio regionale Davide Boni (Lega) per il quale il Presidente del Consiglio”deve agire di imperio e fare in modo che la Tunisia rispetti gli accordi presi, riportando a casa i clandestini che stanno invadendo il nostro Paese. ‘I clandestini – ha aggiunto Boni – devono sottostare a quanto previsto dalla Bossi-Fini e quindi, dopo l’identificazione, devono essere immediatamente espulsi”.   

    La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

    1 COMMENT

    1. Per l’ennesima volta stiamo assistendo a "dilettanti allo sbaraglio". Siamo governati da gente che non sa che pesci pigliare, In più è in atto da giorni una psicosi che non riesco a comprendere del tutto se non con la paura di chi, per anni, ha seminato politiche xenofobe e ora non è in grado di gestire la situazione. Per ora sono arrivare solo poche migliaia di persone e siamo già nel caos: ciascuno dice quello che vuole, poi viene smentito dal collega ministro, le regioni vanno in ordine sparso…. In passato abbiamo assistito a ben altre migrazioni di profughi ma non ricordo disastri organizzativi di questo tipo. Il problema è che siamo solo all’inizio: se e quando arriverà la vera ondata di immigrati non so cosa saranno in grado di combinare i nostri governanti…

    2. Dunque: la Francia rimanda indietro gli immigrati alla faccia dell’europa unita, dell’europa dei popoli. Il PD invece dice che bisogna aiutarli. Siccome i tesserati del PD sono 820.000 (dati del 2009) e gli immigrati arrivati in due mesi in Italia sono 22.000 se ogni tesserato del PD adottasse un immigrato e lo mantenesse avremmo spazio per altri 798.000… avanti con i barconi …

    3. Ma guardate che Berluscono ha appena detto che la soluzione è il rimpatrio. Inoltre Maroni sta lavorando per mandare quelli che restano un po’ in tutta europa. Alla fine vedrete che a Brescia non ne arriveranno e comunque se arriveranno si fermeranno pochissimo.

    4. Caro marco il PD non dice e non ha mai detto che bisogna aiutare tutti indistintamente, chi vive nella condizione di rifugiato perchè nel suo paese è in corso una guerra ha certi diritti sanciti dalle norme internazionali, chi invece fà il furbo và respinto con severità e con regole precise. Ma la Lega e il PDL non possono gestire questa situazione difficile e che crea disagio in tutti gli italiani solo con gli slogan e con la demagogia. Ci vuole cuore e cervello, chi invece usa solo la bocca probabilmente si dovrebbe dedicare ad altre attività!!!!!

    5. ha ragione padanus. non arriverà nessuno perchè scapperanno tutti prima di arrivare. la lega non sa gestire il problema. parla a vanvera e crea disordine.

    6. se lei pensa che ogni militante del PD debba portarsi un immigrato a casa propria, allora, per coerenza, lei è personalmente disponibile ad accompagnare gli immigrati da dove vengono. bravo! coraggioso!

    7. CORSINI E’ COSI’ GENEROSO…… ED HA LA CASA MOLTO GRANDE…… E GODE DI PARECCHI STIPENDI….. VEDREMO QUANTI NE OSPITERA’.!!!!!!!

    8. Personalmente credo che la scelta legata all’arrivo degli immigrati a Brescia sia dettata principalmente dal fatto che Silvio Berlusconi abbia una mezza intenzione di comprarsi casa a Brescia. Infatti, la strategia potrebbe essere la stessa adottata a Lampedusa: far crollare il valore del mercato abitativo, a causa della presenza dei
      poveri profughi del Nord Africa, per almeno 2 mesi senza prendere chiari provvedimenti umanitari in proposito, proprio come avvenuto nell’isola, avamposto dell’Italia nel sud del Mediterraneo, ed ecco il gioco è fatto!
      Per questo, al fine di non avere una presenza così imbarazzante in città o nella provincia più bella d’Italia, cominciamo a pensare di creare forme di solidarietà in tutti i centri della Lombardia, anche perchè sono fortemente convinto che una delle scelte principali ricadrà sugli appartamenti dell’Olgettina, che nel frattempo si sono resi liberi.

    9. Correva l’anno 2011…e si, sempre lui, il magico omino delle pulizie, Silvio, continuava a cavalcare la cresta dell’onda.

      Dopo avere sgomberato l’Aquila dalle macerie e provveduto a dare ordine e casa a TUTTI i sinistrati…

      Dopo avere liberato Napoli dalle montagne di sacchi e cumuli di spazzatura di ogni genere, stipati senza alcuna differenziazione (chi mai conosce la differenziazione nella repubblica anarchica autonoma di Napoli?) davanti ad ogni possibile cancello, abitazione, struttura sanitaria e pubblica (in cui il divieto di fumo si limita ai cartelli sui muri, per quei 4 in croce che ci sono); Silvio, il grande Mago dello sporco, al sentire delle disavventure della piccola solitaria soleggiata e splendida isola di Lampedusia, dove barche, barchine e barconi provenienti dai mari del sud, carichi di detriti continuarono ad arenarsi sull spiaggie, decise di fare un’altra impresa mega ed accorse in aiuto degli isolani…

      Avrebbe liberato e bonificato l’isola, così prenotò tante belle navi che avrebbero sparso i detriti per l’Italia intera, così che l’isola potesse finalmente riprendere respiro e gli italiani acquistare casa a basso prezzo…. Andò oltre, promettendo detax, candidatura al Nobel, campo da golf e… casinò.. Oh Yes, casinò.. Lungimirante, visto che sicuramente un giorno o l’altro gli italiani avranno di nuovo soldi da spendere.. Ed è proprio quanto serve agli abitanti, pensò.. Forte..

      Spargendo i detriti per tutta Italia nessuno noterebbe una gran differenza e tutti generosamente collalobberebbero a smaltirli e gli isolani avrebbero il casinò che da tanto sognavano..

      Ed ha deciso perfino di adottare la cittadinanza Lampedusiana, acquistando residenza li !

      Probabilmente a breve migliaia di km di autostrada percorreranno l’isola, sorgeranno grattacieli immensi, si avranno nuove emittenti TV e radio ed il benessere estremo sarà una realtà invidiata da tutti gli altri Stati. Verranno organizzate crociere per andare a giocare al casinò (di Silvio, ovviamente) ed alloggiare in loco negli hotel a 6 stelle (sempre sue, naturalmente).

      Ormai siamo invidiati da tutti, con un omino bianco così. Riesce a sistemare tutto con poche parole!

      Ed è stupendo notare come tutti siano accanto lui appoggiandolo, correndogli dietro e dando man forte. Una solidarietà incredibile, vista di rado in altri Paesi.

      Si, l’Italia è davvero una Nazione fortunata. E Silvio davvero un uomo di talento… ed anche i suoi fedeli alleati, non importa di quale colore siano..

      Ma..poi mi chiedo… se a BS arrivasse un terremoto che rade al suolo tutto quanto, un tornado immenso, cadesse un disco volante atomico che facesse scoppiare la città.. cosa ci riserverebbe la generosità di mago Silvio & C° ? Sicuramente almeno due casinò, spero…

      Italia… altro che fanalino di coda.. qui l’unica cosa che brilla è la vasellina.

    10. A parte silvio che racconta da sempre falsità e promesse che non saranno mantenute, ma i leghisti che fanno?
      Stanno facendo scappare (complice maroni) tutti i clandestini dalle tendopoli.
      Lega, sì, chiacchiere e distintivo.

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome